Royal Caribbean sigla un accordo con WWF per salvare gli oceani

E’ lodevole che una compagnia di crociere sigli un accordo con il WWF per la tutela e il mantenimento degli oceani, gli stessi percorsi dalle proprie navi per raggiungere le bellissime destinazione degli svariati itinerari previsti. Royal Caribbean insieme con il WWF ha infatti stabilito alcuni obiettivi  volti a ridurre l’impatto ambientale ma anche a sensibilizzare gli oltre 5 milioni di croceristi sul tema della conservazione degli oceani.

royal-caribbean-wwf

Ecco le parole di orgoglio con cui Richard D. Fain, Presidente e CEO, Royal Caribbean, ha commentato questa importante collaborazione:

“Questa partnership con il WWF rappresenta una grande opportunità per compiere un importante passo avanti verso la speciale responsabilità che abbiamo nei confronti della protezione degli oceani. Inoltre, è gratificante vedere come la nostra determinazione a fare concretamente la differenza sia condivisa dai nostri dipendenti e dai nostri ospiti. Tutti noi di RCL, con questa nuova partnership, sposiamo la mission del WWF per la conservazione degli oceani. Insieme stiamo fissando obiettivi forti e insieme inizieremo ad implementarli con effetto immediato.”

Sono molti gli obiettivi che questo accordo quinquennale si prefigge di raggiungere tra cui:

  • la riduzione del 35% delle emissioni dei gas effetto serra
  • procurarsi il 90% del pesce in modo responsabile solo dalle pescherie in possesso della certificazione Marine Stewardship Council o in attesa di ottenerla
  • definire i nuovi target inerenti la destination stewardship entro il 30 giugno, collaborando per la scelta di destinazioni sostenibili da offrire ai propri clienti

Inoltre Royal Caribbean si è impegnata a dare un contributo di 5 milioni di dollari, per sostenere il progetto del WWF per la salvaguardia degli oceani ma anche a sensibilizzare i propri clienti riguardo alle tematiche trattate dalla partnership. Inoltre in occasione dell’evento che si è tenuto per la sigla dell’accordo, la compagnia ha donato altri 200.000 dollari al WWF delle Filippine, a supporto dei programmi di conservazione dell’area di Donsol.

Anche Carter Roberts, Presidente e CEO WWF-US, si è detto più che soddisfatto della collaborazione con la compagnia di navi da crociera e così come si può evincere dalle sue stesse parole, crede molto nel progetto e nella sua riuscita:

“Questa iniziativa si fonda su due concetti chiave: primo, impegnarsi per raggiungere obiettivi specifici e misurabili nel campo della riduzione delle emissioni di carbonio, dell’aumento degli approvvigionamenti sostenibili e della creazione di una destination stewardship; secondo, coinvolgere i milioni di turisti che viaggiano con la compagnia a conoscere meglio gli oceani e, quindi, ad agire per aiutare a salvarli.”