Costa Crociere fa scalo a Brindisi: mercatini e spettacoli per i croceristi in visita alla città

Brindisi, la ridente cittadina della regione del tacco d’Italia, è nelle mire di molte compagnie di crociera, che la vorrebbero tra i propri porti di scalo delle crociere nel Mediterraneo Orientale. Dopo MSC è il turno di Costa Crociere che proprio ieri, 8 novembre, ha sperimentato la sosta di una delle sue ammiraglie: la NeoRiviera. Si tratta di una nave che fa parte del gruppo solo da un annetto e che prima solcava i mari sotto il nome di Grand Mistra, di proprietà della compagnia spagnola Ibero Cruceros.

Costa Crociere fa scalo a Brindisi: mercatini e spettacoli per i croceristi in visita alla città

Circa 1700 passeggeri, hanno scelto di visitare la città a piedi o a bordo del trenino elettrico, inaugurato quest’estate con grande successo; per l’occasione molti negozianti in centro hanno deciso di restare aperti, malgrado fosse domenica, e garantire così la migliore accoglienza possibile agli ospiti della nave Costa. Infatti, coloro che hanno deciso di restare a Brindisi, evitando di spingersi verso le zone limitrofe che solitamente attirano la maggior parte dei turisti, hanno potuto scegliere tra tante diverse attrazioni: dai negozietti, agli ottimi ristornati, ai musei. Il museo provinciale di Ribezzo, così come il chiostro di San Giovanni al Sepolcro ed anche gli scavi archeologici di San Pietro degli Schiavoni, per l’occasione hanno accolto i visitatori per tutto il giorno.

L’ospitalità dei brindisini è stata davvero impeccabile ed in Piazza Vittoria, ad esempio, è stato organizzato un mercatino dall’associazione Sole, dove è stato offerto un assaggio dei prodotti tipici e uno spettacolo molto suggestivo ed apprezzato di pizzica. Molto caratteristica anche la lezione della vecchia signora brindisina che ha preparato le caratteristiche orecchiette sotto gli occhi interessati dei crocieristi. La Proloco di Brindisi si è detta entusiasta dell’esperimento, così come percepiamo dalle parole di un’operatrice intervistata:

“Purtroppo in tanti hanno deciso di visitare altri luoghi, come Lecce, Ostuni o Alberobello (destinazioni scelte dalle società che, per contratto, gestiscono le uscite dei croceristi). A parte questo, abbiamo avuto un riscontro positivo, in molti sono rimasti stupiti da quello che può offrire la città. Adesso aspettiamo, nel primo pomeriggio, i croceristi di ritorno dalle gite organizzate”.

L’esperimento dello scalo brindisino pare abbia avuto un discreto successo, adesso non ci resta che attendere per sapere se Costa Crociere vorrà includerlo come tappa fissa dei suoi itinerari.